Da dove provengono i virus mortali? Coronavirus e Allevamenti

Da dove provengono i virus mortali? Coronavirus e Allevamenti

Spread the love

I Coronavirus (CoV) sono una grande famiglia di virus comuni negli animali. Occasionalmente possono infettare anche le persone, per questo vengono definiti Virus Zoonotici o ZoonosiNell’ uomo queste malattie possono presentarsi con diversa gravità, con quadri clinici caratterizzati da moderata sintomatologia che vanno dal comune raffreddore fino a manifestazioni letali più gravi come la sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS) e la sindrome respiratoria acuta grave (SARS). – WHO

sintomi del coronavirus

Non è ancora chiaro da quale animale in particolare sia partito il nuovo coronavirus COVI-19, quel che è certo è che lo spillover (il salto di specie) è sempre possibile ma viene favorito dove ci sono attività umane che impongono grandi modifiche ambientali, per esempio impiantare allevamenti intensivi e monoculture proprio dove la fauna selvatica è più importante per numero di specie e di individui e dove, di conseguenza, i patogeni sono più presenti e importanti. MARIO TOZZI – LA STAMPA

zootosi spillover animali uomo

Lo spillover (il salto di specie) è sempre possibile, ma viene favorito dove ci sono attività umane che impongono grandi modifiche ambientali, per esempio impiantare allevamenti intensivi e monoculture, come le palme da olio, a spese della foresta tropicale, cioè proprio dove la fauna selvatica è più importante per numero di specie e di individui e dove, di conseguenza, i patogeni sono più presenti e importanti.

Chi vorrà banalmente obiettare che le condizioni igieniche degli allevamenti cinesi sono precarie, sappia invece che tutte le forme di allevamento e uccisione in massa di qualunque specie animale, (comportanti inevitabile contatto diretto con sangue, secrezioni, escrementi, viscere e cadaveri) agevolano il diffondersi di zoonosi (malattie infettive degli animali, trasmissibili all’uomo), per non parlare dell’ingestione di carni infette e di secrezioni (come il latte) o produzioni (come le uova).

allevamento suini

Altrettanto pericolosa è la presenza di allevamenti sul territorio che rilasciano direttamente le loro esalazioni e sversano quantitativi enormi di liquami nei campi, contaminando le produzioni agricole e le falde acquifere. Cosa aspettiamo allora a fare il nesso tra lo stile alimentare a base di carne e la diffusione di pericolose zoonosi? CHIARA MORANDA – LIBERAMENTE

Negli Stati Uniti, ogni anno vengono sfruttati e macellati quasi 10 miliardi di animali. La maggior parte di essi trascorre una breve miserabile vita in allevamenti sovrappopolati che sono terreno fertile per le malattie tra cui agenti patogeni emergenti e ceppi virulenti di batteri resistenti agli antibiotici.

Oltre alle malattie di origine alimentare e all’inquinamento ambientale, l’allevamento può anche causare pandemie globali […] L’USDA e altri funzionari governativi devono proteggere il popolo invece di servire gli interessi finanziari miopi dell’agroindustria. Dovremmo investire nell’agricoltura e coltivare cibo per nutrire le persone anziché gli animali da allevamento, prodotti agricoli che sfamano più persone con meno terra e meno risorse, consentendo la conservazione delle foreste pluviali e di altri ecosistemi vitali, insieme alla biodiversità e alla capacità naturale della terra di regolazione dei gas a effetto serra e altre minacce ambientali. Tutti ne traggono beneficio quando la nostra casa comune, la Terra, è più sana. GENE BAUR – THE HILL

16-kg-cereali-nutrono-20-persone-1kg-di-carne-due-persone

 

Il cambiamento delle politiche agricole e governative richiederà tempo, ma ognuno di noi può fare delle scelte quotidiane per aiutare noi stessi e il pianeta. Mangiare cibi nutrienti a base vegetale può aiutare a rafforzare il nostro sistema immunitario, migliorando così la nostra capacità di resistere a varie minacce, tra cui virus contagiosi come COVID-19 e prevenirli. GENE BAUR- THE HILL

impatto ambientale varie diete

La psiche di tutti è legata alla Terra. Dobbiamo aprire gli occhi su un nuovo livello di identità, che ci vede parte integrante del mondo in cui viviamo. Consapevoli di una correlazione molto più vasta tra noi e il mondo, inizieremo ad avere un atteggiamento di cura e amore nei confronti della natura che ci circonda. Animali, piante, ecosistemi diventano estensione deL nostro essere umani e in tal senso possono essere curati, coinvolti con rispetto e buon senso. MARCELLL DAMON – SICILIA IN VEG

Cambia menù, scegli vegan!

Veronica🌻


Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *